News dal mare

Clima, c’è sempre meno acqua nei principali fiumi italiani

fiumi italiani

Sempre meno acqua nei fiumi italiani. La serie storica del volume annuale di acqua defluita a mare nei principali fiumi italiani (Po, Adige, Arno, Tevere), misurata nelle stazioni idrometriche in prossimità della foce, fornisce indirettamente un quadro delle risorse idriche disponibili e utilizzabili nei territori presenti nei bacini idrografici dei corsi d’acqua dei fiumi più importanti italiani.

I fiumi italiani a secco, ecco le cause

Rispetto al valore medio del periodo 1971-2000 per alcuni di questi corsi d’acqua si registra, negli ultimi 19 anni (dal 2001 al 2019), un’importante riduzione dei volumi defluiti a mare, pari al 15% per il Tevere e di oltre l’11% per il Po. Una crisi idrica che da nord a sud riguarda tutti i fiumi in Italia.

Dall’analisi a scala stagionale e mensile dell’andamento dei deflussi si osserva un aumento degli eventi di siccità nei principali fiumi italiani e delle ondate di piena, anche a causa del mutamento in intensità e frequenza dei fenomeni estremi meteoclimatici. I deflussi dei corsi d’acqua sono fortemente correlati con le precipitazioni registrate nei bacini idrografici superficiali considerati, anche se nella determinazione del deflusso intervengono molte altre variabili di natura antropica (invasi, prelievi, opere idrauliche).

Fiumi italiani, il Po si è ridotto del 2% in 16 anni

La crisi idrica che riguarda i fiumi d’Italia è stata esponenziale negli ultimi vent’anni. Il valore medio annuo delle precipitazioni nel bacino idrografico del fiume Po, dal 2001 al 2017, si è ridotto del 2% rispetto alla media del periodo 1971-2000, corrispondente a circa 1.050 mm. Crisi che riguarda dunque anche i fiumi italiani più lunghi.

Nel bacino del fiume Adige la precipitazione media annua è la più bassa tra i quattro bacini idrografici considerati, con circa 900 mm, mentre nel bacino dell’Arno non si è registrata una variazione significativa rispetto al trentennio.

LEGGI ANCHE: Ecco l’Atlante mondiale della zuppa di plastica di Legambiente

Il bacino del fiume Tevere registra la riduzione di precipitazione più evidente nel periodo 2001-2017, comunque di modesta entità (-4%), anche se in alcuni anni molto siccitosi (2007 e 2011) si sono registrate riduzioni uguali e superiori al 30%

Leggi anche

Record per Blue Economy Summit di Genova con oltre 50mila utenti online

Fabio Iacolare

Opere che deturpano l’ambiente? Arriva il premio Attila “alla bruttezza”

Redazione

INGV, individuato nel Mar Tirreno un complesso vulcanico finora sconosciuto

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.