Nautica

Diporto Campania, via libera a partire dal 23 maggio

diporto campania de luca

In Campania diporto e balneazione intravedono la luce in fondo al tunnel. Il via libera è a partire da questa mattina, 23 maggio, per gli stabilimenti balneari e per il diportismo: a dare l’ok alla ripresa delle attività sono stati gli incoraggianti dati epidemiologici. A dirlo, per la prima volta dall’inizio dell’emergenza Covid-19, è Vincenzo de Luca, presidente della Regione. Durante la sua consueta diretta Facebook pomeridiana, annuncia l’ok al diporto in Campania. “Ma solo per i residenti nella Regione”, precisa il governatore di Palazzo Santa Lucia. In serata, poi, arriva l’ordinanza che anticipa i tempi inizialmente annunciati (era prevista l’apertura per lunedì 25 maggio).

Da questa mattina, sabato 23 maggio, l’attività da diporto sarà consentita anche a “soggetti non appartenenti al nucleo familiare convivente e residenti o domiciliati nella regione Campania”, con utilizzo – si legge nell’ordinanza – dei posti ridotto in tale caso del 25% rispetto al massimo consentito dal libretto di navigazione, al fine di assicurare un adeguato distanziamento a bordo.

A modifica di quanto disposto dall’ordinanza del 17 maggio 2020, “è consentito lo sbarco sulle isole con mezzi privati da diporto, limitatamente alla mobilità infraregionale, relativa ai cittadini residenti o domiciliati nel territorio regionale”.

Diporto Campania, le isole del Golfo sperano

Apertura che per le isole del Golfo di Napoli significa molto, soprattutto perché nelle ultime ore iniziano a montare le proteste – in particolar modo a Capri – di chi vede una stagione estiva a tinte fosche, a causa dello stop del turismo, soprattutto quello diportistico.

Gli stabilimenti balneari e le attività da diporto in Campania, inteso come l’andare in barca per i soli residenti nella regione, per consentire quindi di raggiungere le isole, iniziano a intravedere la luce in fondo al tunnel della crisi determinata dal lockdown per l’emergenza Coronavirus, dopo mesi di inattività.

LEGGI ANCHE: Fase 2, via libera alle linee guida per il charter nautico

I segnali positivi che vengono redatti dall’unità di crisi regionale (ieri soltanto dieci nuovi casi di contagio, 4 dei nella “zona rossa” di Ariano Irpino), permettono al presidente De Luca di poter riaprire a due settori importantissimi per l’economia campana.

Il presidente, però, avverte: c’è bisogno di più responsabilità dei cittadini. E rispolvera un suo vecchio slogan: “Cafoni zero”. Il riferimento è agli atteggiamenti irresponsabili legati alla movida. “Cogliamo questa occasione per umanizzare i momenti d’incontro dei ragazzi”, afferma De Luca. “Fare in modo che non si rincretiniscano la sera, che non ci siano solo rumori, ammuina, consumo di alcolici e droghe”.

 

Leggi anche

Boat Days, torna a Santa Marinella la seconda edizione a marzo 2023

Claudio Soffici

Luna Rossa con Siemens Xcelerator per la progettazione dello scafo

Claudio Soffici

Il Parco della Grotta di Amantea ospita la GDD Fashion Week 2020

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.