News dal mare Video nautica

Pesce luna avvistato in Salento: è il più grande tra i pesci ossei viventi

Un pesce luna, il più grande tra i pesci ossei viventi, è stato avvistato in Salento: a primo impatto, dalla piccola imbarcazione, come mostrato dal video dei diportisti nelle acque del Salento, può sembrare uno squalo viste le dimensioni importanti ma anche per la grossa pinna che esce dall’acqua.

Gli adulti raggiungono un peso compreso mediamente fra i 247 e i 1.000 kg, ed è per questo che viene ritenuto tra i più grandi pesci ossei viventi. Il nome pesce luna deriva dalla forma rotonda e dal colore grigiastro che va nell’argentato, oltre ad alcune caratteristiche della pelle che ne ricordano un paesaggio lunare.

Di cosa si nutre si pesce luna?

Il pesce luna si nutre principalmente di plancton e va ghiotto di piccoli pesci e di meduse, mentre il suo habitat naturale è rappresentato dalle calde acque costiere.




Vive in acque tropicali e temperate, fino a spingersi in acque fredde come quelle delle coste norvegesi. Varie volte è stato avvistato nel Mediterraneo e ed è diffuso a largo delle coste di Sudafrica e Australia (Guarda il video dell’avvistamento in Salento, dal canale YouTube di dagatagiovanni).


In Inghilterra è chiamato sunfish, sia per le sue dimensioni sia perché durante le giornate di sole tende a salire in superficie. Da non confondere con un altro pesce, ovvero il persico sole.

Il pesce luna è chiamato anche mola mola

pesce lunaQuando sale dalle profondità, può passare molto tempo in attesa di ospitare, sul suo corpo, degli uccelli a caccia di piccoli organismi che si posano sul pesce per banchettare.

Il pesce luna o mola mola è spesso ricoperto da parassiti acquatici, e per questo usa uccelli o altri piccoli pesci per ripulirsi. Quando il pesce luna nuota in prossimità della superficie, visto da una barca, può esser confuso con uno squalo, dato che se ne vede soltanto una pinna.

Nel Mediterraneo questo pesce è presente fin dai tempi antichi ed è  è stato, in passato, oggetto di pesca.
Inoltre, il pesce luna è commestibile e la sua carne è particolarmente apprezzata in Asia, in particolare in Giappone, ma la parte edibile di questo pesce è poca ed è difficile da pulire. La sua pesca oggi è stata vietata dalla Comunità Europea e questo divieto ha permesso al pesce luna di moltiplicarsi gradualmente.

Pesce luna: avvistamento conferma la riconquista dei suoi spazi naturali

Con questo nuovo avvistamento, viene confermata la ripresa della natura che via via sta riconquistando gli spazi che l’uomo, abusando delle risorse marittime, si era illegittimamente appreso. Sembra quasi un invito di questo pesce placido ed innocuo a non disturbare un ambiente che a fatica ritrova il suo equilibrio.




Le immagini spettacolari sono state girate da Gianfranco Coppola, referente dello “Sportello dei Diritti”. “Immagini, quelle del video, quantomeno rare per i mari nostrani”, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti. In Italia è stato avvistato a largo della costa ligure dove ha intensificato la sua presenza dal 2014. In particolare a Portofino e nelle altre acque liguri. Per ammirarlo, è possibile farlo all’Acquario di Genova.

LEGGI ANCHE:  Salento, avvistato nei giorni scorsi un giovane esemplare di Foca monaca

Il pesce luna è il più grande predatore di meduse e, l’aumento delle temperature dell’acqua ha visto un forte incremento delle meduse che a loro volta hanno attirato il pesce luna sotto costa in Liguria!

Leggi anche

Saling Yacht A, la barca a vela più grande del mondo: ecco quanto costa

Redazione

Imperia, in 245 sfidano il gelo per il cimento invernale dell’Epifania

Fabio Iacolare

Golfo di Napoli, ritornano i delfini

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.