Località di mare News dal mare

Mareggiate: “Allarme rosso per il litorale e le spiagge italiane”

mareggiate

Le mareggiate che si sono registrate ieri sera sul lungomare di Napoli e su altri litorali mettono “a nudo la fragilità e i ritardi dell’Italia”: ecco perché occorre “subito un piano di resilienza marina contro l’innalzamento del mare e i nuovi pericoli meteo”.

“Forse è davvero venuto il momento che il sistema Paese assuma contezza del fatto che il litorale italiano, e non alcuni casi isolati, è oggi e sarà ancora più domani esposto a rischi di vera e propria cancellazione sia per l’innalzamento in atto del mare, sia per fenomeni meteo marini come la mareggiata che ha impattato in queste ore il golfo di Napoli”.




Lo ha dichiarato Luigi Merlo, presidente di Federlogistica, all’indomani della mareggiata che si è abbattuta sul lungomare di Napoli, provocando notevoli danni ad attività commerciali e arredo urbano, e dopo gli altri disagi vissuti in più località balneari della nostra penisola, sempre a causa di mareggiate.

Federlogistica Conftrasporto, anche sulla base di importanti studi specifici condotti in collaborazione con Enea, aveva già due anni fa fatto scattare il segnale di allarme. E lo stesso aveva fatto più volte proprio Confcommercio Napoli.

LEGGI ANCHE: Mareggiata a Napoli, onde invadono il lungomare Caracciolo VIDEO

“In occasione della presentazione dello studio nel 2019 – ricorda Luigi Merlo, Presidente di Federlogistica – avevamo evidenziato come proprio Napoli figurasse ai primi posti nella lista delle località più a rischio per l’innalzamento del mare. Cosa è stato fatto nel frattempo? Nulla! Avevamo affermato a chiare lettere che Venezia è solo il simbolo evidente di un fenomeno generalizzato. In altre parole, Venezia è la punta di un iceberg, che nell’arco di pochi anni, rischia di colpire e far finire sotto l’acqua più del 50% delle nostre coste e delle spiagge letteralmente spazzandole via”.




Contrariamente a molti paesi come l’Olanda, il Giappone, Singapore e parte degli Stati Uniti, l’Italia – denuncia Merlo – è all’anno zero nella costruzione di un progetto di resilienza marina.

“Noi come Federlogistica Conftrasporto continueremo a batterci in prima linea per far capire come questo tema debba essere collocato in cima alla lista delle priorità del Paese e delle sue Istituzioni, e trovare spazio da subito nei progetti da presentare e finanziare con il Recovery fund” conclude Merlo.

 

Leggi anche

Prolungato dalla Regione il periodo della caccia ai cormorani in Sardegna

Fabio Iacolare

Spiaggia Smoke Free, il Comune di Jesolo ci pensa

Fabio Iacolare

«Prossima fermata: Supereroi»: i superpoteri viaggiano sui treni di Pietrarsa per unire generazioni

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.