Diporto

Festa del Lavoro, alle 12 suoneranno le sirene delle navi di tutto il mondo

Festa del Lavoro, alle 12 suoneranno le sirene delle navi di tutto il mondo

Festa del Lavoro, alle 12 suoneranno le sirene delle navi di tutto il mondo: così rendono noto le associazioni ICS e ITF (la Federazione Internazionale dei Lavoratori dei Trasporti) che stanno coordinando le navi di tutto il mondo, ancorate nei porti,  affinché suonino le loro sirene alle 12.00 ora locale del 1° maggio, Festa del Lavoro.

L’iniziativa mira a richiamare l’attenzione sugli “eroi non celebrati del commercio globale”, cioè  1.600.000  lavoratori che sono in mare e garantiscono le catene di approvvigionamento globali, evidenziando anche la difficile situazione dei marittimi intrappolati dalle restrizioni di viaggio relative al COVID-19.

Infatti, molti marittimi hanno dovuto prolungare il loro imbarco a bordo delle navi, dopo aver trascorso già lunghi periodi in mare, per garantire che vengano consegnate le forniture di cibo, carburante e merci, comprese le forniture mediche essenziali .

Da nuovi dati raccolti dall’ICS e dall’International Maritime Employers ‘Council (IMEC) è emerso che sono 150.000 i marittimi che hanno bisogno di cambio entro il 15 maggio. Questo numero è aumentato del 50% rispetto ai 100.000 calcolati a inizio aprile, quando ICS ha richiamato per la prima volta l’attenzione dei governi nazionali e del G20 sul problema.

Se non si interviene, è possibile che questo numero aumenti in modo significativo fino a quando le restrizioni di viaggio non saranno allentate.

Oltre a costituire una grave minaccia per la capacità delle navi di consegnare merci vitali nel momento in cui i paesi ne hanno maggiormente bisogno, tale situazione rappresenta un rischio anche per la sicurezza e il benessere mentale dei marittimi.

Guy Platten, segretario generale ICS, ha dichiarato: “A livello globale ci sono 1,2 milioni di marittimi a bordo di 65.000 navi in ​​mare”.

Negli ultimi due mesi i cambi degli equipaggi si sono quasi completamente fermati

“Ciò significa che l’equipaggio non è stato in grado di sbarcare o imbarcare su navi in ​​porto e ciò non è più sostenibile – ha aggiunto Platten – La Giornata internazionale dei lavoratori è il momento ideale per riconoscere il contributo dei marittimi alla lotta contro la pandemia di Coronavirus”.

“I nuovi dati indicano che 150.000 marittimi hanno bisogno di un cambio immediato dell’equipaggio. Venerdì 1 maggio, le navi di tutto il mondo suoneranno le loro sirene in segno di saluto a questi eroi non celebrati del commercio globale. Chiediamo ai governi di supportare i nostri marittimi, così come ci supportano, e di facilitare un’azione coordinata” ha concluso Platten.

LEGGI ANCHE: Albenga, tutto pronto per la pulizia delle spiagge

Con l’assistenza dell’International Maritime Employers ‘Council (IMEC) e dell’International Mariners Management Association of Japan (IMMAJ), ICS ha ricevuto gli ultimi dati sulla questione dei cambi di equipaggio attraverso un sondaggio sulla forza lavoro marittima globale:

  • 150.000 marittimi hanno bisogno di un cambio immediato dell’equipaggio poiché il loro contratto scade il 15 maggio 2020

Il numero è aumentato del 50% da 100.000 marittimi e aumenterà se i cambi dell’equipaggio non tornano alla normalità.

  • Tra coloro che dovrebbero effettuare cambi dell’equipaggio,

o 40.000 marittimi vengono dalle Filippine

o 10.000 – Cina

o 20.000 – India

o 10.000 – Russia

o 15.000 – Ucraina

o 25.000 – Unione Europea, Regno Unito e Norvegia

o 30.000 – altri paesi

Leggi anche

Moby, Tirrenia e Toremar preparano la nuova stagione ascoltando i propri agenti

Fabio Iacolare

Ferretti Yacht 1000, la più grande nave mai costruita dal cantiere

Redazione

Heesen, l’YN 18750 realizzato nel cantiere di Oss

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.