Sport

Lo “sciopero nuotando” di Salvatore Cimmino per sensibilizzare sui problemi della disabilità

lo sciopero nuotando di salvatore cimmino

Si può avere una gamba in meno e una marcia in più? A sentire la storia di Salvatore Cimmino (nella foto) sembra proprio di sì. Cimmino viene colpito in adolescenza da un osteosarcoma che costringe i medici ad amputargli una gamba. Pur essendo nato in una località di mare (Torre Annunziata in provincia di Napoli) scopre però il nuoto quando ha più di 40 anni e solo su consiglio del dottore.

Si accorge allora di essere un buon nuotatore e decide di utilizzare questa dote per sensibilizzare le persone, in tutto il mondo, sui problemi della disabilità: nasce così l’idea dello “sciopero nuotando”.

La prima traversata di 22 chilometri, la Capri-Sorrento, senza ausilio di protesi performanti è del 2006. A questi primi km di nuoto ne seguiranno un’infinità. Oltre a giri d’Italia e d’Europa, Cimmino macina chilometri nuotando in Israele, Argentina, Repubblica democratica del Congo, Stati Uniti e Australia, solo per citare alcuni paesi.

Gli obiettivi del progetto di Cimmino

L’idea di fondo dello “sciopero nuotando” è di utilizzare le imprese in mare di Cimmino come punto di aggregazione per risolvere problemi concreti di chi vive la disabilità tutti i giorni. Un obiettivo ambizioso ma che parte dal concetto di fare squadra.




Lo scopo di Cimmino, infatti, è di unire enti pubblici e privati in questa sfida. Un problema che impatta pesantemente il mondo della disabilità, per esempio, è l’enorme divario che c’è tra la ricerca scientifica in campo di protesi e il mondo produttivo, ovvero l’effettiva realizzazione e messa in vendita della protesi altamente tecnologiche sviluppate dai ricercatori che renderebbero migliore la vita di molti.

LEGGI ANCHE: Damien Seguin, il primo disabile al Vendée Globe: ora è terzo in classifica

Il progetto di Cimmino mira a creare economie di scala per queste protesi, così da rendere la produzione conveniente per le industrie. Le sue imprese, quindi, mirano a creare quella giusta attenzione sulle problematiche dei disabili per poi incanalare questa attenzione nella ricerca di soluzioni fattibili per tante realtà lontane dai riflettori.

Leggi anche

Campionato zonale Ilca, Tommaso Fontes trionfa nella sesta prova

Redazione Sport

2019 Melges World Championship di Villasimius, Bombarda e Maidollis in testa

Fabio Iacolare

Partita La Ottanta: inaugurata stagione vela offshore con 92 imbarcazioni

Redazione Sport

1 commenti

duilio maurizio poli 2 Febbraio, 2021 at 7:36 pm

vorrei anche io provare queste emozioni

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.