Diporto Nautica

Boe per ormeggio abusive: a Napoli verifiche su 150 titolari di barche

boe ormeggio napoli

Circa 150 unità da diporto appartenenti a turisti e cittadini napoletani ormeggiate abusivamente alle boe nello specchio di acqua antistante il consolato americano di Napoli: una rete abusiva, non coperta dalla concessione demaniale, su cui indaga l’Autorità Portuale di Napoli, che stamattina si è messa alla ricerca dei proprietà delle barche e degli yacht che erano ad ormeggio a Mergellina.

Boe abusive a Napoli: un “sistema” d’ormeggio

Ci sarebbe un vero e proprio “sistema atto all’ormeggio”, dietro la scoperta delle boe da parte degli uomini al comando dell’ammiraglio Pietro Giuseppe Vella: al momento, i gestori di una cooperativa sono stati denunciati, con l’accusa di aver duplicato gli spazi concessi. Oltre all’area di 25mila metri quadri a disposizione, infatti, secondo le indagini condotte dal luogotenente Carlo Nigro.



Questa mattina, intorno alle ore nove,  sono stati contattati circa 150 titolari di barche da diporto che hanno ormeggiato – forse a loro insaputa – in uno specchio d’acqua non consentito. Verifiche su eventuali sfregi al patrimonio naturalistico ed altri reati.

LEGGI ANCHE: Odissea per la nave Palermo-Genova: “Ritardi a causa del Green Pass”

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

“Retroattività illegittima”: chiuso contenzioso porti turistici-Stato

Redazione

Il mare è per tutti a Lignano Sabbiadoro: i team inclusivi Sea4All in regata

Redazione

Sul Lungomare di Napoli il nuovo salone della nautica

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.