Nautica

Domani torna la Regata Storica di Venezia: ecco le misure di sicurezza

regata storica di venezia

L’emergenza sanitaria da Covid non ferma la Regata Storica di Venezia. Domani andrà di scena la tradizionale manifestazione sportiva di rievocazione storica che si tiene ogni anno nella prima domenica di settembre lungo il Canal Grande. Come di consueto le competizioni saranno precedute dallo spettacolare corteo storico che riempirà di colori il Canal Grande, con imbarcazioni tipiche cinquecentesche, gondolieri e figuranti in costume, e quest’anno le misure anti-contagio predisposte dal Comune di Venezia saranno imponenti.

Regata Storica di Venezia, le misure anti-Covid

Sul sito dell’amministrazione comunale infatti, viene precisato attraverso una nota che il pubblico sulle rive pubbliche e nelle imbarcazioni lungo il percorso dovrà indossare una protezione alle vie respiratorie dalle ore 15 fino a 30 minuti dopo la conclusione della manifestazione.

Pertanto, in tutte le aree di possibile stazionamento del pubblico per la visione della Regata Storica: 1 (Punta Dogana / Salute), 2 (Campo San Vio) 3 (Accademia / Campo San Vidal), 4 (Campo San Samuele), 5 (Rialto Riva del Vin), 6 (Rialto Riva del Carbon / del Ferro), 7 (Campo de l’Erbaria), 8 (Pescheria), 9 (San Stae), 10 (San Marcuola), 11 (Ferrovia entrambi i lati per Corteo Storico) saranno predisposti a cura di Vela:

  • 60 Steward
  • Bollini sul selciato per il posizionamento distanziato del pubblico
  • Cartelli di richiamo alle norme comportamentali
  • Diffusione acustica con richiamo delle norme comportamentali

Le unità navali di qualsiasi tipologia che sosteranno in Bacino di San Marco e Canal Grande e le persone su di esse presenti dovranno mantenere tra loro una distanza tale da garantire il distanziamento sociale, privilegiando ove possibile l’ormeggio in allineamento poppa prua evitando l’ormeggio “a pacchetto” se non in presenza di opportuni distanziatori per il contenimento del contagio da Covid-19

In alcuni tratti del Canal Grande saranno realizzati appositi ormeggi temporanei mediante il posizionamento di paline.

Le società remiere che parteciperanno con loro atleti al Corteo Storico – Sportivo si atterranno alla normativa sulle attività motorie in fase di effettuazione del corteo e all’obbligo di protezione delle vie respiratore nella fase di stazionamento per il passaggio delle regate.

La Bissona Serenissima aprirà il corteo

Sarà l’ammiraglia “Bissona Serenissima”, della flotta di imbarcazioni del Comune di Venezia, ad aprire il corteo acqueo della Regata storica. All’Arsenale di Venezia, nel canale delle Galeazze, si è svolta la presentazione dopo la conclusione dei lavori di restauro e ristrutturazione della barca, lunga venti metri, a fondo chigliato, mossa da 18 vogatori. I lavori, iniziati il 27 gennaio scorso, sono terminati il 27 agosto, nonostante l’interruzione causata dal Covid-19.

Realizzata tra il 1956 e il 1958 dal maestro d’ascia ‘Nino’ Giuponi con legni di quercia, acacia, larice, pino, olmo, addobbata con elementi scultorei e ornati lignei dorati, la Bissona aveva bisogno da tempo di un intervento di recupero che ne garantisse l’integrità strutturale e la galleggiabilità, soprattutto per la sicurezza dell’equipaggio e degli ospiti.

Dopo il restauro nel 2008, quando l’imbarcazione era affondata e ritenuta completamente persa, la “Serenissima” aveva avuto negli ultimi anni solo qualche piccolo intervento di manutenzione e veniva utilizzata, per il tempo strettamente necessario, solo alle cerimonie della “Sensa” (l’Ascensione, per lo Sposalizio del mare di Venezia) e la Storica.

LEGGI ANCHE: Nuoto di fondo, torna la Capri-Napoli: domenica al via la competizione

I lavori di restauro sono iniziati dopo aver ottenuto l’approvazione del progetto dalla Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Venezia e Laguna, visto che la Bissona è stata riconosciuta “bene mobile di interesse culturale”. Lo scafo è stato ristrutturato da un cantiere specializzato in barche storiche, individuato dalla società in house Insula Spa; gli ornati e le sculture lignee sono invece stati curati da un restauratore iscritto all’albo nazionale del Mibact.

 

Leggi anche

Pesca all’orata: tecniche, esche e montature per la cattura

Redazione

Albenga, Nicole Vio vince l’edizione 2019 di Miss Inverno

Fabio Iacolare

Galata Museo del Mare di Genova riapre domani: tariffe agevolate per tutti

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.