Diporto Nautica

Sanlorenzo è main sponsor del Padiglione Italia alla Biennale Arte 2022

Sanlorenzo Biennale Arte

Un percorso, fatto da una progressione coerente, è quello che ha condotto Sanlorenzo a essere main sponsor del Padiglione Italia alla 59° Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia. Perché di arte, innestata in un ricco tessuto culturale parte integrante della sua storia, è intrisa l’essenza del cantiere. Come dimostrano i suoi ultimi 15 anni e le tappe che li hanno contraddistinti.

Sanlorenzo alla Biennale Arte, ogni yacht un’opera di design

È stata una collezione di opere di Gianfranco Pardi, pittore e scultore di formazione architetto, a simboleggiare l’inizio, nel 2008, di quel legame virtuoso arte-design da allora pervasivo di ogni yacht di Sanlorenzo: a bordo del SL100 le opere di Pardi si inserivano in dialogo con icone del design italiano secondo il progetto di interior dello Studio Dordoni Architetti. Con l’intento, mai visto prima, di portare a bordo la percezione di un’elegante casa italiana. Che si è poi allargato alla ricerca di legami sempre più stretti con le più importanti istituzioni artistiche e gallerie.




Primo atto, due eventi creati con Tornabuoni Arte nei luoghi epicentro del collezionismo: a Miami e a Venezia, Sanlorenzo, sfidando ogni convenzione espositiva, ha trasformato due suoi yacht in vere e proprie gallerie galleggianti. Preludio, nel 2018, alla nascita dell’accordo di global partnership con Art Basel. Da allora negli eventi annuali a Hong Kong, Basilea e Miami Beach Sanlorenzo è presente con grandi installazioni capaci di raccontare artisticamente l’anima trasversale e sperimentale del Brand, curate da Piero Lissoni, scelto nello stesso anno dal cantiere quale Art Director. Art Basel ma non solo, altre installazioni di grande impatto visivo rappresentano la sensibilità artistica di Sanlorenzo: una su tutte, alla Triennale, nel 2017, “Il Mare a Milano”, vincitrice nel 2020 del Compasso d’Oro.




Venezia. Il legame si consolida tra gli anni 2019 e 2021 toccando questa volta la fotografia d’autore: a essa è affidato il racconto artistico dell’unicità del cantiere con le mostre “Naviganti”, di Silvano Pupella, e “Dedalo”, opere di Veronica Gaido, assieme ad altre di John Pawson, esposte alla Casa dei Tre Oci. Ancora a Venezia, nel 2020 viene sancita la collaborazione pluriennale con la Collezione Peggy Guggenheim, di cui Sanlorenzo diventa Institutional Partner, affermazione dell’intento di Sanlorenzo di essere identificato come promotore di sviluppo culturale.

Sanlorenzo e la Art Basel

Dopo aver alimentato il dialogo con l’arte in modo innovativo e trasversale, lo scorso settembre Sanlorenzo ha lanciato ad Art Basel, a Basilea, una nuova, ambiziosa sfida, chiamata Sanlorenzo Arts: una piattaforma interattiva che indaga attraverso le relazioni virtuose con artisti ed esponenti della creatività i temi più stringenti del nostro presente. Con un ruolo dichiarato non più solo di mecenate, ma di produttore di cultura: primo atto, due opere su commissione dal titolo “Suspensions”, create dall’artista svizzero Emil Michael Klein per la Collectors Lounge di Art Basel.

“Un traguardo straordinario”

Arrivare oggi ad affiancare il Padiglione Italia alla 59. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia, curato da Eugenio Viola, per Sanlorenzo è un traguardo unico e straordinario. Ma soprattutto un ulteriore punto di partenza, da cui riprendere a esplorare nuove future modalità di relazione con il mondo dell’arte contemporanea e i suoi linguaggi.

LEGGI ANCHE: Perini Navi rinasce con New Sail: vertenza chiusa a Viareggio

Il Cav. Massimo Perotti, Presidente e Chief Executive Officer Sanlorenzo, così commenta questa importante presenza: “Stiamo vivendo un nuovo rinascimento che vede la cultura contemporanea al centro della società come dell’industria. Venezia e il Padiglione Italia sono una straordinaria vetrina globale: una sintesi della creatività e dell’energia che l’Italia esprime con un giovane artista di grande talento come Gian Maria Tosatti, scelto come unico interprete di questo spazio. Siamo felici di poter dare il nostro contributo ad un progetto così speciale che siamo certi segnerà questa Biennale”.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Assarmatori: urgente lo sblocco dei ristori per il cabotaggio

Redazione

Inizia il Trofeo Porti Imperiali del Circolo Velico Fiumicino

Claudio Soffici

Wider inizia la costruzione del suo superyacht full-custom Moonflower 72

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.