Nautica Sport

Route du Rhum 2022, andata la prima settimana: Beccaria quarto

route du rhum 2022

Giro di boa alla Route du Rhum 2022, con gli skipper italiani che si lasciano alle spalle i primi sette giorni di navigazione.

Mentre Charles Caudrelier e il suo Maxi Edmond de Rotschild hanno tagliato ieri il traguardo per primi, frantumando il record del 2018, i 4 rappresentanti del nostro paese sono ancora in gara, a circa metà del percorso.




Route du Rhum 2022, Pedote: “Tristi le ultime ore”

Ambrogio Beccaria, dopo aver occupato ieri il terzo posto, si trova ora quarto. Lo skipper milanese è dietro Corentin Gouguet, a circa 57 miglia da Yohann Richomme, leader dei Class 40. “Questa prima settimana di Route du Rhum – Destination Guadeloupe è stata un’enorme sorpresa”, ha commentato lo skipper sulla propria pagina Facebook. “Ora capisco il mio allenatore quando diceva che il mio obiettivo era arrivare negli alisei con la barca intatta e lo skipper pure. Qui in mezzo all’oceano ti rendi conto di quanto siamo piccoli e di quanto tutti i partecipanti alla Route du Rhum siano fortunati a partecipare a questo gioco con la forza della natura”.

Sempre nei Class 40 troviamo Alberto Bona anche oggi in settima posizione, mentre è 17mo Andrea Fornaro: “Sono partito dalle Azzorre pensando a un tempo clemente, invece per un bel po’ è stato ancora duro, vento tosto e la chiglia di bolina è stata messa ulteriormente alla prova”, ha spiegato Fornaro. “Ora di lasco è ferma e salvo situazioni particolari credo che il peggio sia passato, sono più sereno. Stamattina il vento ha girato, si sono aperte le nuvole e con un bel sole ho messo il code, adesso viaggio spedito diretto a 15/16 nodi. Ho dormito, mi sono cambiato, lavato e incremato, ho asciugato la barca un po’ all’interno e diciamo che la vita a bordo prende finalmente una piega un po’ più vivibile. Mancano ancora 2100 miglia, il ruotage mi da 7gg e 13 ore alla punta di Guadalupe, si procede!”.

LEGGI ANCHE: Pangeos, il terayacht a forma di tartaruga grande il doppio del Colosseo

Nella Classe Imoca, che vede al primo posto Charlie Dalin su Apivia, scivola indietro Giancarlo Pedote, attualmente 23mo. Il velista fiorentino ha aggiornato i suoi fan sulla navigazione, spendendo anche due parole sulle due persone decedute nell’incidente di ieri: “Le ultime 24h sono state tristi. L’ambiente intorno a me rifletteva il mio sentire. Un’unione che mi ha invaso. Ho saputo della morte dei due ragazzi dell’organizzazione della Route du Rhum. Davanti a questi avvenimenti ci sentiamo impotenti. Penso alle loro famiglie, ai loro amici. Mi guardo intorno e vedo un panorama senza vento, che a causa del mio umore vedo triste, vuoto. Contro il quale mi sento impotente. Mi trovo nel mezzo della dorsale, la mia barca avanza a 0,7 nodi. Non posso fare nulla. Cerco di scendere a Sud, ma secondo le previsioni attuali sarà la dorsale a spostarsi verso nord – non prima di 24h – regalandoci un po’ di vento che ci permetterà di scendere. E non posso fare altro che pensare che è cosi anche nella vita. Il mio pensiero va alle famiglie e agli amici dei due ragazzi. È ancora presto, ma spero che un vento di sollievo riesca a raggiungerli”.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Ocean Globe Race 2023, Paul Cayard a bordo dello Swan 65 di Translated

Redazione Sport

Tulikettu, in salvo l’equipaggio dell’Infiniti 52 perduto nell’Atlantico

Claudio Soffici

Nettuno, arriva l’edizione 2019 del “Vela Day”

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.