Nautica Sport

SailGP, un fulmine colpisce il catamarano di New Zealand: un ferito

fulmine sailgp

Si valutano i danni a bordo di Amokura, catamarano della squadra neozelandese di SailGP, dopo che un fulmine ha colpito un’ala ferendo un membro del team.

L’equipaggio kiwi era a terra al momento dell’impatto, intento a ritirare il trofeo per la vittoria nel GP di Singapore.




Dimesso l’uomo colpito dal fulmine al termine del SailGP

A bordo di Amokura c’erano il pilota svizzero Sebastien Schneiter, lo stratega francese Manon Audinet e i grinder danesi Luke Payne e Martin Kirketerp per il trasporto del catamarano. Kirketerp, che in quel momento stava toccando un sudario, è stato colpito da una scossa elettrica ed è stato immediatamente portato a terra per assistenza medica: il danese, dimesso dall’ospedale dopo una notte in osservazione, è stato sottoposto a degli esami che hanno dato esito positivo. Gli altri a bordo, che non hanno riportato ferite, sono stati evacuati e non sono tornati a bordo fino al termine della tempesta.

New Zealand ha parlato dell’incidente, spiegando che cercherà di riavere la barca in condizione di salpare a Sydney il 18-19 febbraio, per continuare a tenere la pressione alta sulla capolista australiana.

“Per fortuna gli altri marinai che stavano navigando sulla barca in quel momento stanno bene. È stato molto spaventoso, ma la cosa importante è che tutto va bene e tutto questo [il danno] potrà essere riparato “, ha commentato Blair Tuke, co-CEO e wing trimmer di New Zealand SailGP. Il collega CEO e pilota del team Peter Burling ha concordato, spiegando che “Martin è sicuramente la priorità più grande di questo e siamo tutti abbastanza contenti che stia bene e ci stia dando il pollice in su dall’ospedale”.

LEGGI ANCHE: La Fiera Nautica di Sardegna a Porto Rotondo ad aprile 2023

Schneiter, che all’epoca guidava l’F50, ha dichiarato: “L’intera barca si è spenta, l’ala è esplosa in alto e tutti abbiamo sentito un piccolo shock. Sfortunatamente Martin ne ha avuto uno più grande”. Kirketerp è stato trasferito sulla nave da inseguimento della Nuova Zelanda e portato in ospedale dove alla fine è stato dimesso. Verrà sottoposto ad ulteriori controlli in futuro, ma i medici sono ottimisti sul fatto che si sia ripreso completamente.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

America’s Cup, neozelandesi agli statunitensi: “Intervento presuntuoso”

Redazione Sport

Post Covid: arrivano le navi smart senza rischio estinzione per i marittimi

Fabio Iacolare

Otranto, due tartarughe marine liberate a Punta Palascia

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.