Nautica Sport

Giancarlo Pedote dopo la Defì Azimut punta la Route du Rhum

giancarlo pedote defì azimut

Conclusa domenica 18 settembre la 12ma edizione della Defì Azimut, regata che ha visto protagoniste a Lorient, Francia, 28 imbarcazioni della Classe IMOCA: all’evento, che anticipa la partenza della Route du Rhum prevista tra meno di due mesi, presente anche l’italiano Giancarlo Pedote. Il velista fiorentino, che ha concluso decimo, ha avuto modo di testare le modifiche apportate alla barca in vista dei prossimi eventi.




Il bilancio di Giancarlo Pedote alla Defì Azimut

Lo skipper di Prysmian Group, nonostante alcuni inconvenienti occorsi con il pilota automatico, si ritiene soddisfatto del risultato finale, come ha fatto sapere sul proprio sito ufficiale, dopo essersi anche tolto lo sfizio di superare dei foiler di ultima generazione.

“Il bilancio globale di questo Défi Azimut è positivo. Quello che mi interessava era ovviamente la 48H Azimut, valevole per la selezione al Vendée Globe in caso l’organizzazione dovesse scegliere tra troppi team iscritti”, ha dichiarato Pedote al termine della seconda prova. “Runs Azimut e il Tour dell’isola di Groix in equipaggio erano più che altro delle prove spettacolo per il pubblico e un intrattenimento per gli invitati. La 48H AZIMUT è stata una bella regata, con buone condizioni meteo. Sono abbastanza soddisfatto del risultato perché al traguardo sono passati davanti a me solo grandi foiler. Dopo un buon inizio di regata mi sono trovato ad affrontare problemi con il pilota automatico. Problemi che sono iniziati alla Guyader Bermudes 1000 Race dello scorso maggio e che per il momento non siamo riusciti a risolvere. Questa è una preoccupazione importante che deve assolutamente essere risolta prima della partenza della Route du Rhum. Dobbiamo riuscire a fare più uscite possibili con vento forte per poter studiare la situazione e identificare la causa del guasto“, ha spiegato il velista italiano.

LEGGI ANCHE: Positivi i primi test di Team New Zealand sul nuovo AC40

“Ciò di cui sono soddisfatto è che sono sempre di più in sintonia con la mia barca. Questo è dovuto al fatto che partecipo attivamente alla sua preparazione generale e alla sua vita tecnica. Sono già concentrato sulla prossima regata al 100% perché, come sempre, quando faccio qualcosa è a tutto gas. Il mio leitmotiv è essere presente in ciò che faccio in ogni momento della mia vita”, ha concluso Pedote, che ama vivere intensamente e cercare di imparare da ogni esperienza.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

La Canottieri Garda qualifica due atleti Optimist per le selezioni nazionali

Redazione Sport

Giancarlo Pedote per la prima volta su un Figaro 3 al Tour de Bretagne à la Voile

Fabio Iacolare

14ª edizione “Totano’s Cup” organizzata dallo Yacht Club Cala de’ Medici

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.