Nautica Sport

Presentati i velisti olimpici per Tokyo: “Squadra di grandissimo livello”

velisti tokyo

Una “squadra di altissimo livello”, quella dei velisti che parteciperanno ai Giochi Olimpici di Tokyo. Ne è convinto Francesco Ettorre, presidente Fiv, che oggi ha presentato nella cornice splendida della Villa Miani, a Roma, i nove atleti che rappresenteranno i colori azzurri alle Olimpiadi in Giappone.

Noi di nonsolonautica.it li stiamo intervistando in questi giorni: vogliamo far conoscere ai nostri lettori  palmares e sogni nel cassetto di questi giovani che rappresenteranno l’Italia nella prossima competizione olimpica. Ed eccoli, i nomi dei velisti azzurri che andranno a Tokyo.

I nove velisti azzurri diretti a Tokyo: ecco chi sono

Nel Nacra 17 gareggeranno col catamarano misto foiling Ruggero Tita (Fiamme Gialle) e Caterina Marianna Banti (CC Aniene, qui la nostra intervista), Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) saranno impegnati nel 470 maschile ed Elena Berta (Aeronautica Militare) e Bianca Caruso (Marina Militare) in quello femminile (deriva in doppio con spinnaker); Silvia Zennaro (Fiamme Gialle, la nostra intervista a questo link) nel singolo femminile della classe Ilca 6 (ex Laser Radial); Mattia Camboni (Fiamme Azzurre) e Marta Maggetti (Fiamme Gialle) nella tavola a VELA del Windsurf RS:X maschile.




“Abbiamo iniziato un percorso lungo – ha aggiunto Ettorre – che senza stravolgimenti ha previsto di arricchire alcune componenti tecniche e l’intera struttura, ringrazio tutti per essere arrivati a questo momento anche un po’ emozionati per le aspettative dei nostri atleti. Lo dicono i risultati di questo quadriennio, che non possono non farci pensare a qualcosa di buono. Sappiamo che non si è fatto ancora nulla, ma questa presentazione è un momento eccellente per capire da dove veniamo e cosa possiamo sognare”.

LEGGI ANCHE: Ruggero Tita e Caterina Banti fanno tris: a loro il Velista dell’anno 2021

Per il presidente della Federvela “saranno Olimpiadi diverse, molto particolari, ma il sogno olimpico resta uguale per gli atleti, i dirigenti e tutto il mondo che segue lo sport. Quello che mi piacerebbe è riuscire davvero a coinvolgere l’Italia, la nazione, in questa avventura e far diventare protagonisti i nostri atleti e il loro impegno, così come hanno saputo fare finora rendendo la nostra Federazione protagonista in giro per il mondo”. “Abbiamo lavorato a testa bassa anche quando per alcuni era difficilissimo o impossibile lavorare, e questo ci è servito per crescere ancora – ha aggiunto il dt Michele Marchesini – Adesso siamo arrivati ai piedi della montagna, e dobbiamo scalarla”.

 

 

Leggi anche

Sea4All, quando il mare è per tutti: si veleggia a Lignano Sabbiadoro

Redazione

CMC Marine al Palm Beach International Boat Show 2021

Redazione

Numarine espande la sua flotta di yacht explorer con 26XP

Davide Gambardella

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.